Project Description

L’area di intervento è situata ai piedi della collina di Baba dove si estendeva un sito industriale per la lavorazione del malto, dismesso dall’inizio secolo. L’area è stata resa pianeggiante per permettere l’accesso a un ramo della ferrovia che doveva facilitare il trasporto dei prodotti e “strappata” alla collina, modificando l’aspetto del paesaggio e creando una “conca” artificiale occupata da vari tipi di edifici, come baracche in legno, capanni, edifici in muratura e forni.
L’edificio principale, destinato dopo il restauro a ospitare uffici, è lungo circa 150 metri e sormontato da cinque grossi camini, memoria dei forni per la cottura del malto, decorati in mattoni bianchi e rossi. Proprio per la sua suggestività, in questi ultimi anni l’area è stata utilizzata come set cinematografico per film e produzioni straniere.
La progettazione degli edifici, orientati principalmente verso sud-est, è stata fortemente condizionato dalla necessità di ripristinare il pendio della collina e presenta quindi un tipico susseguirsi di fronti e retri. Perciò è stata scelta un’architettura “bifronte”, in modo che che gli affacci principali abbiano davanti un’architettura differente per materiali e composizione.